Perché rivedere Roma?

Pubblicato il 

Perché rivedere Roma?

All'ombra del centro storico, Roma non smette di sorprendere. Trattorie per famiglie, fabbriche dismesse e ora riconvertite, vestigia insolite e mercati locali la attendono: segua la nostra guida!

Perché rivedere Roma?

Nuovi indirizzi trendy

La Città eterna continua a reinventarsi: nuovi quartieri alla moda, iniziative locali e angoli nascosti. C'è sempre una buona ragione per visitare Roma. Se la sua ultima visita risale a un po' di tempo fa, noterà sicuramente un cambiamento rispetto al passato: l'offerta alberghiera. L'apertura di nuovi hotel di classe e il rinnovamento di strutture storiche hanno portato una ventata di novità nella Città eterna. Come base per partire alla riscoperta di Roma può optare per un boutique hotel trendy nel tranquillo quartiere dell'Aventino, a due passi dal Colosseo: The Corner Townhouse.

Questa villa Art Nouveau trasformata in un design hotel la sedurrà grazie al suo concept che unisce una cucina raffinata, un bistrot e solo undici camere, tutte di grande eleganza contemporanea. Dopo aver lasciato le valigie in camera, scenda per un bicchiere al cocktail bar. Si sieda su un divano in velluto nel giardino dai mille profumi e ordini un “Freak”, delicato mix di tequila, piña colada, agave, cardamomo, eucalipto e lime, con un tocco rinfrescante di ghiaccio secco. Non vedrà l'ora di scoprire la cucina romana reinterpretata dallo chef stellato Marco Martini. Si lasci viziare dal menu degustazione, a base di tagliatelle di seppia all'amatriciana, bottatrice alla cacciatora (una preparazione a base di funghi, verdure e vino) e, dulcis in fundo, la ricotta con pere e cioccolato. Le sue vacanze romane iniziano a meraviglia.

The Corner Townhouse
Viale Aventino, 121
Roma
Italia
+39 06 4554 8810
https://thecornerrome.com

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Perché rivedere Roma?

L'atmosfera popolare del Testaccio

Il mattino dopo, invece di andare su e giù per il centro storico, vorrà uscire dai sentieri battuti, direzione il Testaccio. Al riparo dalla marea dei turisti, questo quartiere popolare si estende tra il muro di Aureliano e le rive del Tevere. Deve il nome al Monte Testaccio, una collina artificiale creata nell'Antichità da milioni di pezzi di anfore. Arrivato a destinazione, si prepari a restare a bocca aperta. Davanti ai suoi occhi si staglierà l'imponente piramide di Caio Cestio, con i suoi 37 metri di altezza. Questo mausoleo fu costruito in onore di un magistrato di epoca romana, quando era molto in voga l'architettura dell'antico Egitto, allora provincia dell'Impero. Il mausoleo si erge nel mezzo del Cimitero inglese di Roma, dove riposano illustri personaggi come il poeta romantico John Keats. Si goda la pace di questo luogo di memoria, dove la vegetazione fa da padrona tra le lapidi.

Piazza Testaccio e i suoi dintorni rappresentano la vera anima romana del quartiere. Gli odorini che si diffondono dagli angoli delle strade le faranno venire l'acquolina in bocca. Un tempo, la vicinanza dei mattatoi e la qualità della carne rendevano celebri le osterie di questo quartiere. E ancora oggi, i romani si ritrovano nelle piccole trattorie del Testaccio per un buon pranzo in compagnia. A questo punto, avrà una fame da lupi! L'osteria a conduzione familiare Fratelli Mori cade a puntino. Spaghetti alla carbonara, tonnarelli cacio e pepe, trippa alla romana… Qui i cuochi preparano piatti tramandati di generazione in generazione.

Osteria Fratelli Mori
Via dei Conciatori, 10
Roma
Italia
+39 331 323 4399
http://www.osteriafratellimori.it/

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Perché rivedere Roma?

Fabbriche dismesse trasformate in spazi artistici

Dopo questa pausa gastronomica, si recherà al Mattatoio, una sede distaccata del MACRO, il Museo di arte contemporanea di Roma. I vecchi mattatoi del XIX secolo ospitano ora due grandi padiglioni mirabilmente rinnovati, che sapranno risvegliare la sua curiosità estetica con esposizioni fotografiche, eventi o spettacoli di danza. Poi di nuovo in marcia verso l'ex area industriale di Ostiense per vedere il “Gazometro”, il vecchio serbatoio di gas della città. Se l'arte urbana l'affascina, sarà un piacere scoprire questa galleria a cielo aperto. Terminerà questa giornata ricca di sensazioni tra le mura di uno spazio ibrido e trendy del Testaccio: il ristorante Stazione di Posta con la sua atmosfera industriale. Potrà sorseggiare una birra artigianale al bar prima di gustare la cucina del ristorante gastronomico, che mescola alla perfezione influenze italiane e giapponesi.

Mattatoio
Piazza Orazio Giustiniani, 4
Roma
Italia
+39 06 3996 7500
www.mattatoioroma.it

Gazometro
Via del Commercio
Roma
Italia

Stazione di Posta
Città dell'Altra Economia, Largo Dino Frisullo
Roma
+39 06 574 3548
www.stazionediposta.eu/

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Perché rivedere Roma?

Passeggiata nel mercatino delle pulci preferito dai romani

Se si trova a Roma di domenica, si alzi presto per girovagare nel grande mercato delle pulci di Porta Portese. L'originalità di questo appuntamento settimanale? Che si può trovare di tutto… Tranne che da mangiare! Centinaia di bancarelle occupano le vie parallele al Tevere nel quartiere borghese e bohème di Trastevere. Per i turisti stranieri è il momento di rispolverare l'italiano per negoziare con venditori chiacchieroni che attirano i visitatori all'invitante grido di “Tutto a un euro!”. Assisterà a una dimostrazione dell'esuberanza all'italiana: una vera commedia dell'arte che avviene praticamente a ogni transazione. La zona più interessante del mercato è quella attorno a via Ippolito Nievo: antichità, oggetti decorativi, vinili o accessori di moda, come il Borsalino, il famoso cappello usato dai romani… Nel mezzo di questo allegro bazar troverà non solo ogni oggetto possibile e immaginabile, ma anche un'atmosfera unica.

Mercatino delle pulci di Porta Portese
Viale di Trastevere
Roma
Italia
https://www.airfrance.it/IT/it/common/travel-guide/mercatino-delle-pulci-di-porta-portese.htm

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Perché rivedere Roma?

Il centro storico da un altro punto di vista

Non distante, in via Garibaldi, la grande storia di Roma la travolgerà di nuovo. Dia un'occhiata al chiostro interno della chiesa di San Pietro in Montorio. Troverà il Tempietto del Bramante, un affascinante tempio a pianta circolare progettato dal Bramante, uno dei maggiori architetti del Rinascimento italiano. Resterà senza parole davanti a questa opera straordinaria, con le sue colonne toscane e le proporzioni perfette che ricordano i capolavori dell'antichità. Scenda poi nella cripta per osservare la cavità dove sarebbe stata piantata la croce del martirio di San Pietro.

Voglia di uno spuntino? Vicino a Piazza Navona, si sieda al minuscolo bancone del locale Il Supplizio e assapori i supplì, deliziose polpette di riso fritte, con ripieno di salsa di pomodoro o mozzarella.

Dopo questa intensa passeggiata, troverà infine un po' di quiete in cima al colle dell'Aventino. Qui, la bellezza si cela nei dettagli. Nell'incantevole giardino di Parco Savello si trova una fontana singolare. Nel 1936 uno scultore ebbe l'idea di unire una vasca termale romana a una maschera monumentale di marmo ideata dall'artista rinascimentale Giacomo della Porta. A qualche minuto di distanza potrà raggiungere la Piazza dei Cavalieri di Malta, fiancheggiata da placide palme. Ma la vera sorpresa sarà guardare attraverso la serratura di un portone verde: dalla fessura potrà ammirare infatti uno degli scorci più belli e insoliti di Roma. Anche se a distanza, le sembrerà di sfiorare con la punta delle dita la cupola della basilica di San Pietro… e di conoscere un po' di più i segreti di Roma.

Chiesa di San Pietro in Montorio
Piazza di S. Pietro in Montorio, 2
Roma
Italia
+39 06 581 3940
www.sanpietroinmontorio.it/

Supplizio
Via dei Banchi Vecchi
Roma
Italia
+39 06 8987 1920
www.supplizioroma.it