L'esposizione di Tutankhamon a Parigi svela innumerevoli meraviglie

Pubblicato il 

L'esposizione di Tutankhamon a Parigi svela innumerevoli meraviglie

La mostra “Tutankhamon, il Tesoro del Faraone” fa tappa a Parigi, dal 23 marzo al 15 settembre 2019. Venga a celebrare il centenario della scoperta della famosa tomba reale.

L'esposizione di Tutankhamon a Parigi svela innumerevoli meraviglie

Un evento mondiale a La Villette

L'obelisco che domina Place de la Concorde e la piramide del Museo del Louvre sono solo alcuni dei numerosi edifici e opere che testimoniano la passione della Ville Lumière per l'antico Egitto. Il 2019 sarà l'anno della cultura franco-egizia. Per questo motivo, Parigi si prepara ad accogliere alcune delle opere più belle scoperte nella tomba più famosa della storia dell'umanità. Il Ministero delle Antichità Egizie ha pensato in grande con l'esposizione “Tutankhamon, il Tesoro del Faraone”. Già presentata a Los Angeles, questa mostra di ampio respiro e aperta a tutti si stabilisce per diversi mesi presso la Grande Halle de la Villette, per poi proseguire con il tour mondiale. I più curiosi apprezzeranno le audioguide, ricche di informazioni aggiuntive.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

L'esposizione di Tutankhamon a Parigi svela innumerevoli meraviglie

Tesori nascosti scoperti per miracolo

Si prepari a intraprendere un viaggio all'insegna dell'emozione e a immergersi tra 150 gioielli originali, creazioni in oro, incisioni, sculture e oggetti impiegati nei rituali, tutti rinvenuti nella tomba di Tutankhamon. È un vero privilegio conoscere queste opere d'arte, alcune delle quali escono dall'Egitto per la prima volta! Questi reperti artistici saranno poi restituiti al Grand Egyptian Museum di Giza, ubicato ai piedi delle piramidi. Partecipando all'esposizione, i visitatori contribuiranno peraltro al finanziamento di quello che è destinato ad essere il più grande museo d'Africa.
Si tratta di un evento unico che la riporteranno indietro al XIV secolo a.C., quando regnava l'XI faraone dell'antico Egitto. Scomparso prematuramente dopo nove anni di regno, all'età di 18 o 19 anni, Tutankhamon venne sepolto con i suoi gioielli nelle profondità della Valle dei Re, nei pressi di Luxor. Scavata appena sopra a questa, la tomba di Ramses VI permise di dissimulare quella del giovane sovrano e di proteggerla dai saccheggi. Nel 1922, l'archeologo britannico Howard Carter scoprì per miracolo, sotto a un deserto di sabbia, la tomba intatta di questo faraone fino ad allora sconosciuto. Sebbene la mitica maschera d'oro sia rimasta nel suo paese d'origine, ci penseranno gli splendidi tesori presentati in esclusiva a rendere davvero unica questa esposizione. Gli antichi Egizi consideravano la morte come l'inizio di una nuova vita. Una rinascita che poteva realizzarsi se il corpo del defunto veniva preservato seguendo i riti di magia e circondato di offerte funerarie per accompagnarlo nel grande viaggio verso l'aldilà.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

L'esposizione di Tutankhamon a Parigi svela innumerevoli meraviglie

Un sarcofago in miniatura e oggetti preziosi

Tra gli oggetti esposti, la sua attenzione sarà catturata dagli incantevoli sarcofagi ornati di pietre preziose come il lapislazzuli, noto anche come “pietra del cielo”, che simbolizza gli occhi di Dio. Potrà ammirare anche i vasi decorati con geroglifici, nonché alcuni giocattoli d'infanzia del faraone, come piccole statuette scolpite.
Menzione speciale merita inoltre la spettacolare statua di Tutankhamon, il cui simbolismo viene illustrato e spiegato dall'audioguida: la pelle nera della statua evoca la fertilità del Nilo e la sua promessa di resurrezione, mentre l'oro richiama il sole ed era considerato la carne degli dei.
Proseguendo, si soffermi sul sarcofago in miniatura, che raffigura il sovrano egizio. La sorprenderà sicuramente sapere qual era la funzione di questo oggetto: conteneva il suo fegato! Durante la mummificazione, le viscere venivano separate dal corpo per la conservazione. Questi organi venivano imbalsamati, cosparsi di unguenti e resina, avvolti in bende di lino e infine riposti all'interno dei vasi canopi o, come nel caso di Tutankhamon, al sicuro in sarcofagi in miniatura.
Un altro artefatto degno di attenzione è il naos. Questo cofano in legno ricoperto in foglia d'oro ospitava una statuetta, naturalmente anch'essa in oro, raffigurante il faraone. I pannelli delle ante e delle pareti riccamente ornati illustrano scene di Tutankhamon insieme ad Ankhesenamon, la sua giovane sposa. Ad esempio, la coppia è rappresentata mentre caccia uccelli nella palude oppure in momenti in cui la regina, ricevendo offerte, è protagonista. Esaltata da una scenografia ineccepibile, l'esposizione sfoggia anche un sontuoso letto funerario, un mobile cerimoniale in ebano e foglia d'oro ornato di figure divine che vegliano il riposo del sovrano. Secondo il culto egizio, i morti, semplicemente dormienti, si risvegliavano al momento della loro rinascita.
Dopo questo sogno a occhi aperti nel magnifico universo dell'erede della XVIII dinastia, ne approfitti per approfondire il tema nella celebre galleria egizia del Louvre. Qui, scoprirà le vestigia delle civiltà che si sono succedute in riva al Nilo.

Tutankhamon, il Tesoro del Faraone
Dal 23 marzo al 15 settembre 2019
Grande Halle de la Villette
211 avenue Jean Jaurès
75019 Parigi
+33(0)1 40 03 75 75
lavillette.com/programmation/toutankhamon_e185