Gavarnie, al paese dei circhi

gita
Gavarnie, al paese dei circhi

Victor Hugo la definì “oggetto impossibile e straordinario, un colosso della natura”. A piedi o a cavallo, attraversare il circo di Gavarnie è impressionante.

Si procuri una mappa. Individui la frontiera a cavallo del massiccio del Mont Perdu. A sud, sul lato spagnolo, avrà i canyon di Ordesa, di Añisclo e di Pineta. A nord, sul lato francese, entrerà nel paese dei circhi. Sono tre: Troumouse, Estaubé e, il più selvaggio, Gavarnie.
Le sue pareti sono state scavate nel quaternario da ghiacciai di dimensioni enormi. Questo circo, che non smetterà di sorprenderla per la sua forza e la sua bellezza grezza, è stato inserito nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO per i suoi criteri naturali e culturali. Pochi siti al mondo hanno questo privilegio, tra cui Machu Picchu in Perù e il monte Taishan in Cina. Dalla notte dei tempi le comunità spagnole e francesi hanno condiviso lo stesso stile di vita basato sulla pastorizia. Lo leggerà sui sentieri, nelle cappelle, nei rifugi e nelle capanne. La solidarietà ha superato le frontiere. Il circo di Gavarnie è la culla del pireneismo.
Contrariamente all'alpinismo, che si limita al voler superare i limiti, il pireneismo associa la sensibilità e l'umanità allo sforzo. È molto più di uno sport, è una filosofia a cui aderiscono gli amanti dei Pirenei tutte le estati.

Office du Tourisme de Gavarnie-Gèdre
Place de la Bergère
65120 Gèdre

Tel.: +33 (0)5 62 92 49 10

www.valleesdegavarnie.com/hiver/domaine-de-gavarnie-gedre