Viaggiare con un accompagnatore

Per la sicurezza dei passeggeri disabili o a mobilità ridotta, Air France può esigere la presenza di un accompagnatore, il cui ruolo sarà di fornire un'assistenza in caso di situazione di emergenza, in particolare in caso di evacuazione dell'aereo. L'accompagnatore è obbligatorio solo nei seguenti casi:
  • Persona che soffre di disabilità mentale grave che non le permette di capire e di applicare le istruzioni di sicurezza.
  • Persona al tempo stesso ipovedente e ipoacusica, che non può quindi comunicare con l'equipaggio.
  • Persona che soffre di una disabilità motoria che non le permette di partecipare fisicamente all'evacuazione. La maggior parte delle persone paraplegiche e paralizzate o prive di un arto superiore possono quindi viaggiare senza accompagnatore. L'accompagnatore è invece obbligatorio per la maggior parte delle persone tetraplegiche.

Un bambino disabile o a mobilità ridotta può viaggiare da solo, in quanto minorenne non accompagnato (UM) nei seguenti casi:
  • se può contribuire fisicamente all'evacuazione dell'aereo
  • se è capace di capire e di applicare le istruzioni di sicurezza.

L’accompagnatore deve soddisfare le seguenti condizioni:
  • Essere maggiorenne ed autonomo*.
  • Non occuparsi contemporaneamente di una persona disabile o a mobilità ridotta e di un bambino di età inferiore ai 4 anni (sui voli in Francia e nei dipartimenti e territori d'oltremare), di un bambino di età inferiore a 5 anni (sui voli internazionali) o di un'altra persona disabile o a mobilità ridotta**.

Tranne casi particolari. Per maggiori precisioni, informarsi presso gli agenti Saphir.
** Salvo deroga. Per conoscere le condizioni di deroga, informarsi al momento della prenotazione.

inizio pagina